Monthly Archives: luglio 2015

Hacking Team, una società on-line senza sicurezza

Ricco il «bottino», reso pubblico, di un attacco informatico alla Hacking Team, leader mondiale in sorveglianza digitale. Ne emerge un quadro di affari con governi che violano i diritti umani e vendita di software per spiare computer e telefoni di giornalisti e attivisti. Un’intervista con Claudio Agosti, fuoriuscito dall’impresa milanese e noto mediattivista a favore della privacy

20clt-foto-reuters-passante-131070

Fino a pochi giorni fa l’azienda milanese Hacking Team (HT) era considerata uno dei leader mondiali nel mercato del malware. I suoi prodotti – quei particolari software usati per mettere sotto stretta sorveglianza i computer e gli smartphone di attivisti, militanti politici e giornalisti – erano richiestissimi da polizie e servizi segreti di tutto il mondo. Poi, la sera del 5 luglio, un attacco informatico devastante ha colpito i suoi sistemi.

400 GB di dati vengono sottratti dai server della società capitanata dal CEO David Vincenzetti e resi disponibili in rete attraverso torrent. Tra il materiale pubblicato ci sono i gioielli della corona, come il codice sorgente di RCS – acronimo di Remote Control System –, prodotto di punta di HT e frutto di 10 anni di lavoro e investimenti in ricerca e sviluppo. Ma non solo. Nell’elenco dei leak figurano altri file preziosissimi, come i cosiddetti 0day: vulnerabilità presenti nel codice di alcuni programmi – in questo caso i popolarissimi Adobe Flash Player e Microsoft Internet Explorer – che nelle mani giuste diventano vettori per condurre attacchi informatici e prendere il controllo di un computer. Continue reading

Hacking Team, an on-line company without security

20clt-foto-reuters-passante-131070Until some days ago, the Milanese company Hacking Team (HT) was considered one of the global leaders of the malware market. Its products – those particular software used in order to put under tight surveillance computers and smartphones of activists, political militants and journalists – were most requested by police and secret services all over the world. Then, on the evening of July 5, a devastating computer exploit badly hit its systems.

400 GB of data were stolen from the servers of the company headed by the CEO David Vincenzetti and published online through torrents. Among the material that was published, there are “crown jewels” like the source code of the RCS – an acronym for Remote Control System –, a spearhead HT product that was the fruit of a 10 years’ work and R&D investments. But there is more. In the leaks’ list other most precious files appear, like the so-called 0day: vulnerabilities in the code of some programs – in this case the most popular Adobe Flash Player and Microsoft Internet Explorer – that in the right hands become beacons used to perform exploits and take the control of a computer. Continue reading

Insorgenti dentro i Big Data

Scritto con Silvano Cacciari

Data digital flowSe gli antichi àuguri al servizio dei governanti romani ascoltavano i gridi degli uccelli per formulare i loro presagi, oggi la divinazione è compito di algoritmi e modelli di analisi statistica appositamente congegnati per interpretare in tempo reale il significato di stormi di tweet. Cambiati i tempi – con oracoli ed indovini ormai scalzati dagli analisti dei Big Data –, rimane però immutato l’interesse di chi detiene il potere per il futuro. In particolar modo se questo rischia di essere funestato da disordini politici, sommovimenti sociali e rivolte popolari.

Da sempre, dimostrazioni, cortei e proteste si verificano in presenza di una diffusione di idee che amplifica l’azione collettiva e alimenta la soggettività di quanti ne sono protagonisti. Il fatto che oggi tale processo di contagio sia più o meno alimentato da social network come Twitter o Facebook è un’ipotesi da anni al centro di feroci diatribe: da un lato infatti si sprecano gli studi che individuano nei social media un vettore per nuove forme di mobilitazione e organizzazione, dall’altro non mancano le invettive di intellettuali ed attivisti fondate sulla convinzione che tali piattaforme confinino la rabbia degli utenti dietro al monitor di un computer, scoraggiando così la partecipazione reale. Continue reading

Insurgents inside Big Data

Written by ctrlplus and Silvano Cacciari – Italian translation here

Data digital flowIf the ancient augurs at the Roman rulers’ service listened to the shrieks of the birds, in order to express their predictions, divination today is a business of algorythms and statistical analisys models, these being specifically constructed in order to explain the meaning of flocks of tweets in real time. As times changed – with oracles and fortune-tellers now unseated by Big Data analysts – the interest of the people in charge about the future remains undiminished. Especially when the latter risks to be menacingly affected by political disorders, social upheavals and popular uprisings.

Demonstrations, marches and protests always happen during a diffusion of ideas that amplifies collective action and nurtures the subjectivity of its protagonists. The hypothesis of such a viral process of today being more or less fed by social networks like Twitter or Facebook has been at the core of heated arguments for several years: one one hand, studies that recognizes in the social media a beacon for new forms of mobilization and organization abound, on the other hand there is no shortage of invectives by intellectual and activists, based on the belief that such platforms constrain the rage of the users behind the monitor of a computer, thus discouraging real participation. Continue reading